20/03/17 - Scrivere per elaborare la malattia: la storia di Maria Paola Cavalieri porta una donazione alla Oncologia del Santa Maria Nuova

Sei qui: Home Page | Comunicati Stampa | Comunicati 2017 | Scrivere per elaborare la malattia: la storia di Maria Paola Cavalieri porta una donazione alla Oncologia del Santa Maria Nuova

Al reparto i proventi della vendita del libro

Reggio Emilia, 20 marzo 2017

Camminare sul margine, diario di un’esperienza oncologica. Nei giorni scorsi è avvenuto l’incontro con la équipe ospedaliera 

Un esempio di medicina narrativa che porta conforto a chi lo ha voluto e realizzato e può donare preziose parole di speranza a chi vive anche indirettamente l’esperienza della malattia. 
Camminare sul margine è il racconto della vicenda di Maria Paola Cavalieri curata in questi anni dalla équipe del Santa Maria Nuova sino alla guarigione completa da un tumore. 
La ex paziente, appassionata di scrittura, ha voluto mettere per iscritto il proprio percorso “vincente” contro il cancro. Camminare sul margine è un memoriale su stati d'animo e contatti umani maturati nel corso di nove anni e vuole rendere omaggio all’assistenza e cura ricevute nel reparto di oncologia dell'Arcispedale Santa Maria Nuova, oggi diretto da Carmine Pinto, quale esempio positivo del funzionamento del servizio sanitario pubblico del nostro territorio. 
“Ho voluto dedicare il mio scritto ai medici, alle infermiere, agli operatori sanitari, agli impiegati che ho incontrato nel mio percorso e durante le cure chemioterapiche” spiega Cavalieri “Per ciascuno di loro ho reso una dettagliata descrizione in termini di impegno quotidiano e di professionalità, mai disgiunti da quel sorriso e da quella parola che rendevano tutto più sopportabile”. 
Con gratitudine Cavalieri ha scelto di destinare i proventi della vendita del libro, 2mila euro sino ad oggi, alla équipe riunita in reparto. 
“La ricostruzione non si sviluppa secondo una rigida successione temporale e lascia spazio a monologhi interiori che esprimono il bisogno di dar voce alle sensazioni più intime e genuine. Il passato si combina con il presente o il presente fa un tuffo nel passato, anche solo per gioire” spiega ancora l’autrice. 
Ad accogliere l’autrice erano, oltre al direttore Pinto e alla èquipe, il Direttore Sanitario del Santa Maria Nuova Giorgi Mazzi che ha ringraziato a nome dell’Azienda, ponendo in evidenza che “Tra i compiti di un direttore sanitario c’è quello di creare i presupposti organizzativi e logistici perché i professionisti possano dare il meglio ai propri pazienti, anche da un punto di vista umano, e riconoscimenti come questo ci incoraggiano a continuare in questa direzione”. 
Il volume, disponibile nelle librerie, è pubblicato da Consulta – Libri e progetti editore di Reggio Emilia, le illustrazioni e le fotografie sono di Elisa Pellacani, anche lei presente al momento della donazione.      
 
L’ufficio Stampa 
 
Nella foto, da sinistra: Giancarlo Bisagni, oncologo, Cristina Galimberti, coordinatirce, Francesca Zanelli, oncologa, Maria Paola Cavalieri, Elisa Pellacani. Alle loro spalle, da sinistra, Carmine Pinto e Giorgio Mazzi   -   La copertina del libro 
 
Ultimo aggiornamento: 28/03/2017