22/08/14 - Il Sindaco Luca Vecchi in visita al cantiere del Centro Oncoematologico del Santa Maria Nuova

Sei qui: Home Page | Comunicati Stampa | Comunicati 2014 | Il Sindaco Luca Vecchi in visita al cantiere del Centro Oncoematologico del Santa Maria Nuova

In fase di completamento l’involucro esterno dell’edificio e la dotazione impiantistica dei primi piani. L’ultimazione del CORE è prevista entro l’anno 2015

Reggio Emilia, 22 Agosto 2014

É avvenuta nella mattina di ieri la visita ufficiale del Sindaco Luca Vecchi in Ospedale, la prima dall’inizio del suo mandato.
Accompagnato dall’Assessore alle Politiche del Welfare e Vice Sindaco Matteo Sassi, il Sindaco è stato ricevuto dal Direttore generale Ivan Trenti all’ex Ospedale Spallanzani, attuale sede delle direzioni generale, sanitaria, scientifica ed amministrativa.
La visita ha visto la sua tappa più importante nel cantiere del Centro Oncoematologico (CO-RE), il nuovo polo composto da cinque piani fuori terra in fase avanzata di edificazione. Il direttore del Servizio Attività Tecniche Ing Daniele Pattuelli ed i referenti della Ditta Siteco srl, affidataria della esecuzione dell’opera, hanno illustrato le ultime novità e delineato i prossimi sviluppi.
L’edificio, che presenta una perfetta uniformità architettonica con le preesistenti strutture ospedaliere, ha una superficie di 15.500 metri quadrati distribuiti su cinque piani fuori terra ed un piano seminterrato e si prevede sarà ultimato entro il 2015. Al suo interno saranno concentrate le funzioni di ricerca e di assistenza oncologica di alta specialità. Vi troveranno spazio i reparti coinvolti nei percorsi del paziente oncologico: ematologia, oncologia, medicina oncologica, gastroenterologia ed endoscopia digestiva, chirurgia oncologica, che potranno condividere le risorse strategiche e l’organizzazione dei servizi comuni.
Il cantiere, avviato nell’ottobre del 2011, ha visto alcune fasi complesse che ne hanno fatto slittare i tempi di esecuzione inizialmente previsti. Il rinvenimento di una condotta idrica di epoca romana nel sito nel quale si stavano predisponendo le fondamenta della struttura (Febbraio 2012) e l’avvicendamento di due imprese appaltatrici a causa della crisi che ha investito il settore del’edilizia (Febbraio 2013) hanno determinato lo slittamento di qualche mese del crono programma iniziale.
Alla copertura dell’edificio, completata un anno fa, sono seguite le predisposizioni degli impianti tecnologici, delle pavimentazioni e le partizioni interne dei primi due piani insieme alla esecuzione delle facciate continue verticali con ampie superfici vetrate alternate a pannelli in lega di alluminio costituenti l'involucro perimetrale dell'intero fabbricato.
Le prossime attività di cantiere riguarderanno la realizzazione delle pavimentazioni e delle partizioni interne a tutti i piani del fabbricato, unitamente alle finiture edili e alla posa degli impianti tecnologici. A completamento, sono previste opere di sistemazione esterna  della viabilità di accesso e della sosta in adiacenza al nuovo fabbricato.
Il Sindaco Vecchi ha espresso particolare apprezzamento per la cura posta nella progettazione e realizzazione del futuro ospedale che, a regime, è destinato ad offrire innovativi percorsi di assistenza e standard di accoglienza di livello elevato a favore della comunità.
L’opera è corredata da un’area parcheggio contenente 320 posti auto gratuiti, il parcheggio “Repubblica”, aperto al pubblico dallo scorso 2 Giugno.

L’Ufficio Stampa 

Allegato: brochure CORE 
Il Centro Oncoematologico di Reggio Emilia (CO-RE)
La realizzazione di una nuova struttura ospedaliere s’inserisce nel più ampio e complesso programma di adeguamento strutturale e tecnologico dell’Azienda Ospedaliera IRCCS Arcispedale S. Maria Nuova di Reggio Emilia (ASMN) e rappresenta un ulteriore passo avanti verso “l’ospedale del futuro”.
Coerentemente con gli interventi già conclusi, il nuovo edificio permetterà di allocare, in un’unica sede, le funzioni di ricerca e di assistenza oncologica di alta specialità per meglio sostenere lo sviluppo considerevole delle attività che questo settore ha registrato negli ultimi anni.
Il CO-RE risponderà all’esigenza di aggregare, come in altre realtà nazionali, strutture la cui mission specialistica esclusiva e prevalente sia orientata alla patologia oncologica e strutture che, pur caratterizzate da una maggiore trasversalità, possano assicurare un significativo contributo al completamento dei percorsi clinici del paziente oncologico.
Il progetto permette, inoltre, di assicurare maggiori spazi e servizi più adeguati, a cui va aggiunta la presa in carico globale dei pazienti oncologici che sempre più numerosi si rivolgono alle strutture sanitarie pubbliche.
Soddisferà, inoltre, l’esigenza di ottemperare alle norme sui requisiti strutturali e tecnologici generali e specifici e di adeguare gli edifici a standard strutturali, tecnologici ed organizzativi rispettosi delle specifiche esigenze di salute e delle modalità di erogazione delle prestazioni.
La posa della prima pietra era avvenuta nel Giugno 2011 e l’avvio del cantiere nell’Ottobre dello stesso anno. Il termine previsto dei lavori è la fine del 2015. L’Associazione reggiana GR.A.D.E. (Gruppo Amici della Ematologia) sostiene attivamente il progetto con un contributo di 2 milioni di euro.
Come sarà il CO-RE:
 
  • 15.500 metri quadrati
  • 6 piani (dei quali uno interrato)
  • 112 posti letto
  • Auditorium da 100 posti
  • Specialità: Ematologia Degenza Ordinaria e DH, Oncologia Degenza Ordinaria e DH, Medicina Oncologica, Endoscopia e Gastroenterologia Digestiva, Chirurgia Oncologica e Ricostruttiva.

Nelle foto: il Sindaco Luca Vecchi, l’Assessore Matteo Sassi, il Direttore generale Ivan Trenti, il Direttore del Servizio Attività Tecniche Daniele Pattuelli, i tecnici della Ditta Siteco srl.
 
Ultimo aggiornamento: 22/08/2014